Entrerà in vigore dal 23 novembre 2011 il Decreto del Presidente della Repubblica n. 177 del 14 settembre 2011, Regolamento recante norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinanti, a norma dell'articolo 6, comma 8, lettera g), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. pubblicato sula Gazzetta Ufficiale n. 260 dell'8 novembre 2011.

 

Per la previsione di cui all'art. 1, comma 2, Il presente regolamento si applica ai lavori in ambienti  sospetti di inquinamento di cui agli articoli 66 e 121 del decreto  legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e negli ambienti confinati di cui  all'allegato IV, punto 3, del medesimo decreto legislativo. Il successivo comma 3 indica che Le disposizioni di cui agli articoli 2, comma 2, e 3, commi 1 e 2, operano unicamente in caso di affidamento da parte del datore di lavoro di lavori, servizi e forniture all'impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi all'interno della propria azienda o di una singola unita' produttiva della stessa, nonche' nell'ambito dell'intero ciclo produttivo dell'azienda medesima, sempre che abbia la disponibilita' giuridica, a norma dell'articolo 26, comma 1, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, dei luoghi in cui si svolge l'appalto o la prestazione di lavoro autonomo. Infine il comma 4 individua che Restano altresi' applicabili, limitatamente alle fattispecie di cui al comma 3, fino alla data di entrata in vigore della complessiva  disciplina del sistema di qualificazione delle imprese di cui  all'articolo 6, comma 8, lettera g), del decreto legislativo 9 aprile  2008, n. 81, e fermi restando i requisiti generali di qualificazione  e le procedure di sicurezza di cui agli articoli 2 e 3, i criteri di  verifica della idoneita' tecnico-professionale prescritti  dall'articolo 26, comma 1, lettera a), del medesimo decreto legislativo.

L'art. 3 rubricato Procedure di sicurezza nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati specifica che 1. Prima dell'accesso nei luoghi nei quali devono svolgersi le attivita' lavorative di cui all'articolo 1, comma 2, tutti i lavoratori impiegati dalla impresa appaltatrice, compreso il datore di lavoro ove impiegato nelle medesime attivita', o i lavoratori autonomi devono essere puntualmente e dettagliatamente informati dal datore di lavoro committente sulle caratteristiche dei luoghi in cui sono chiamati ad operare, su tutti i rischi esistenti negli ambienti, ivi compresi quelli derivanti dai precedenti utilizzi degli ambienti di lavoro, e sulle misure di prevenzione e emergenza adottate in relazione alla propria attivita'. L'attivita' di cui al precedente periodo va realizzata in un tempo sufficiente e adeguato all'effettivo completamento del trasferimento delle informazioni e, comunque, non inferiore ad un giorno. 2. Il datore di lavoro committente individua un proprio rappresentante, in possesso di adeguate competenze in materia di salute e sicurezza sul lavoro e che abbia comunque svolto le attivita' di informazione, formazione e addestramento di cui all'articolo 2, comma 1, lettere c) ed f), a conoscenza dei rischi presenti nei luoghi in cui si svolgono le attivita' lavorative, che vigili in funzione di indirizzo e coordinamento delle attivita' svolte dai lavoratori impiegati dalla impresa appaltatrice o dai lavoratori autonomi e per limitare il rischio da interferenza di tali lavorazioni con quelle del personale impiegato dal datore di lavoro committente. 3. Durante tutte le fasi delle lavorazioni in ambienti sospetti di inquinamento o confinati deve essere adottata ed efficacemente attuata una procedura di lavoro specificamente diretta a eliminare o, ove impossibile, ridurre al minimo i rischi propri delle attivita' in ambienti confinati, comprensiva della eventuale fase di soccorso e di coordinamento con il sistema di emergenza del Servizio sanitario nazionale e dei Vigili del Fuoco. Tale procedura potra' corrispondere a una buona prassi, qualora validata dalla Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ai sensi dell'articolo 2, comma 1, lettera v), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. 4. Il mancato rispetto delle previsioni di cui al presente regolamento determina il venir meno della qualificazione necessaria per operare, direttamente o indirettamente, nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati.

L'INAIL con Nota 7531 del 14 novembre 2011 modifica il modello OT24 (per esso si veda anche l'istruzione operativa del 20 ottobre 2011)..

Dalla rassegna stampa del Ministero del Lavoro e delle Politiche SocialiItalia Oggi 16.11.11 Via al nuovo bonus malus di Cirioli Daniele